Kanèsis cerca di portare il filamento di canapa sul mercato della stampa 3D

La cannabis è stata di moda un po’ di recente, per lo più per questioni legate alla marijuana. Che si sia trattato dell’uso della marijuana per scopi medici o ricreativi, c’è stato molto dibattito politico ultimamente sull’opportunità o meno di legalizzarla. Indipendentemente dal lato dell’argomento su cui vi schierate, è abbastanza sicuro dire che quando si tratta di uso di canapa, il dibattito non è così bilaterale.

La canapa è un’altra varietà di cannabis, contenente livelli trascurabili di composti psicoattivi presenti nella marijuana. Invece, viene raccolto principalmente per il suo olio, fibra e semi, ed è comunemente raffinato in alimenti, cere, resine, panno, carta, carburante e pacciame. A differenza di molte risorse inorganiche non rinnovabili che noi come esseri umani tendiamo a sprecare, la canapa è una risorsa completamente naturale e rinnovabile di cui molte persone hanno incoraggiato un maggiore uso e produzione.

Per due uomini italiani, Giovanni Milazzo (23) e Antonio Caruso (27), stanno cercando di portare questo prodotto naturale nello spazio di stampa 3D in un modo molto interessante: tramite il filamento della stampante 3D. È vero, stanno cercando di vendere la canapa come materia prima per i prodotti di stampa 3D attraverso la loro azienda, Kanèsis.

“L’idea di Kanesis è stata concepita per la prima volta da Giovanni un anno fa”, racconta Antonio Caruso su 3DPrint.com. “Giorno dopo giorno il progetto è cresciuto in modo significativo fino a quando a gennaio ho incontrato Giovanni e abbiamo deciso di continuare il progetto insieme. Entrambi potremmo avere un nostro lavoro, ma crediamo fermamente in questo progetto e per questo stiamo investendo, letteralmente tutto quello che abbiamo, in Kanesis”.

Milazzo, che è un salto ostacoli per il circuito nazionale italiano, laureato in Ingegneria Industriale, e Caruso, che è stato analista finanziario per Citigroup, si sono resi conto che il mercato della stampa 3D così come lo spazio dei materiali di stampa 3D stavano crescendo a un ritmo rapido. Hanno deciso che era giunto il momento di prendere un pezzo di torta, in un modo che sarebbe andato a vantaggio dell’ambiente e della società nel suo complesso. Quali sono i vantaggi della stampa 3D con la canapa?

“Il filamento base di canapa ha notevoli vantaggi tecnici”, ci dice Caruso. “Gli oggetti stampati con la plastica della canapa non sembrano semplici oggetti di plastica e, cosa ancora più straordinaria, non sembrano oggetti stampati in 3D, poiché la differenza tra ogni strato non è rilevante. È più leggero delle plastiche petrolchimiche convenzionali ed è quindi particolarmente adatto per la costruzione di oggetti tecnologici come ad esempio piccoli droni”.

I droni di canapa stampati in 3D sono all’orizzonte? Potrebbero essere molto bene, se Caruso e Milazzo hanno la loro strada.

Il filamento che hanno creato è costituito al 100% da vegetazione, formata dai residui di due piante che insieme ad una resina termoplastica rendono il materiale idoneo all’estrusione da un hotend di una stampante 3D. Stampa ad una temperatura molto vicina a quella del filamento di PLA, appena superiore a 210 gradi Celsius.

Per quanto riguarda l’aspetto dei prodotti finiti stampati in 3D, si possono vedere alcuni esempi nella foto fornita, ma Caruso ci dice che è straordinariamente leggero e fornisce una finitura eccezionale, “completamente naturale al tatto”.

Il progetto è quello di presentare ufficialmente questo nuovo materiale in una conferenza ed esposizione che si terrà a Milano dall’8 al 12 agosto 2015. In seguito prevedono di lanciare una campagna di crowdfunding per raccogliere fondi da destinare alla produzione nel corso di quest’autunno. I due uomini sperano di essere in grado di portare il filamento sul mercato all’inizio del 2016. I prezzi non sono ancora stati determinati, ma ci è stato detto che il prezzo sarà all’interno della “gamma elite di filamenti speciali”.

“Poiché ha una densità notevolmente inferiore rispetto ad altri materiali utilizzati per realizzare il filamento, ci vorrà più volume; un [rocchetto] di 0,500 Kg equivale ad un ‘normale’ rocchetto di 0,750 Kg”, ci dice Caruso.

L’imminente campagna di crowdfunding mirerà anche a sviluppare altri prodotti industriali a base di canapa, come i biocombustibili, i biopolimeri e altri biocompositi che sono già in fase avanzata di sviluppo.

“Kanèsis non è un prodotto, ma il nome di un progetto ambizioso che mette insieme le menti più ricettive e creative siciliane”, dice Caruso. “Il nostro scopo è quello di dare un futuro alla nostra terra non basata su petrolio/petrolio. Possiamo sviluppare tutti i prodotti di cui abbiamo bisogno dai campi, e questo è il nostro obiettivo. Sviluppare biocombustibili, carta, bio-mattoni, biocompositi dalla terra, generando così migliaia di posti di lavoro in un paese dove il 70% della terra è attualmente abbandonata: questo sarà il punto cruciale della nostra campagna di crowdfounding!

Che cosa pensi del potenziale che Kanèsis potrebbe offrire? Sareste tentati di acquistare un filamento di canapa per stampanti 3D?